Top

Uncategorized

La comunicazione bidirezionale a norma

Il Codice di Prevenzione Incendi Il Codice di Prevenzione Incendi richiede che all'interno di uno Spazio Calmo venga inserito un comunicatore bidirezionale per messere in comunicazione gli occupanti con i soccorritori. Allo stesso tempo, la stessa norma definisce "soccorritore" un componente di squadra di lotta all’incendio, opportunamente protetto ed addestrato a tale fine. Come funziona il nostro dispositivo? Il funzionamento è molto semplice. Il dispositivo è dotato di comunicatore GSM, una semplice ed affidabile SIM telefonica con un numero di cellulare proprio. Quando l'occupante preme il bottone (l'unico bottone presente!) si avvia in automatico una chiamata di soccorso che compone fino a 8 numeri telefonici (sia fissi che...

A chi telefonare

Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche per l’esodo

La progettazione del sistema d’esodo deve comunque rispettare le disposizioni di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia”, anche in tema di eliminazione o superamento delle barriere architettoniche. In tutti i piani dell’attività nei quali vi può essere presenza non occasionale di occupanti che non abbiano sufficienti abilità per raggiungere autonomamente un luogo sicuro tramite vie d’esodo verticali, deve essere adottata almeno una delle seguenti modalità: a. impiego di spazi calmi secondo le indicazioni del paragrafo S.4.9.1;b. esodo orizzontale progressivo secondo le indicazioni del paragrafo S.4.9.2;c. esodo orizzontale verso luogo sicuro. Per gli...

comunicazione bidirezionale spazio calmo

La normativa antincendio chiede al progettista di installare all'interno dello spazio calmo un sistema di comunicazione bidirezionale per permettere agli occupanti di segnalare la loro presenza e richiedere assistenza ai soccorritori.     Una possibile soluzione rapida, sicura e che assolve da ogni responsabilità sia il progettista che il titolare è sicuramente la comunicazione bidirezionale spazio calmo. Un dispositivo in grado di comunicare con un call-center h24 dedicato, una portineria un centro di gestione. Totalmente autonomo ed autoalimentato. Consente anche ai Vigili del Fuoco di essere telefonato, aprendo in automatico la comunicazione.   RICHIEDI UN PREVENTIVO...

citofono spazio calmo

La normativa antincendio chiede al progettista di installare all'interno dello spazio calmo un sistema di comunicazione bidirezionale per permettere agli occupanti di segnalare la loro presenza e richiedere assistenza ai soccorritori.     Una possibile soluzione rapida, sicura e che assolve da ogni responsabilità sia il progettista che il titolare è sicuramente il citofono spazio calmo. Un dispositivo in grado di comunicare con un call-center h24 dedicato, una portineria un centro di gestione. Totalmente autonomo ed autoalimentato. Consente anche ai Vigili del Fuoco di essere telefonato, aprendo in automatico la comunicazione.   RICHIEDI UN PREVENTIVO...

Interfono spazio calmo

La normativa antincendio chiede al progettista di installare all'interno dello spazio calmo un sistema di comunicazione bidirezionale per permettere agli occupanti di segnalare la loro presenza e richiedere assistenza ai soccorritori.     Una possibile soluzione rapida, sicura e che assolve da ogni responsabilità sia il progettista che il titolare è sicuramente l'interfono spazio calmo. Un dispositivo in grado di comunicare con un call-center h24 dedicato, una portineria un centro di gestione. Totalmente autonomo ed autoalimentato. Consente anche ai Vigili del Fuoco di essere telefonato, aprendo in automatico la comunicazione.   RICHIEDI UN PREVENTIVO...

segnaletica spazio calmo

Ma tra tutti i cartelli in commercio, qual è quello corretto per uno spazio calmo? Se ne vedono di tutti i colori e di tutte le dimensioni in commercio, ma il pittogramma corretto è quello indicato nella UNI EN ISO 7010, più precisamente quello con identificativo E024. [caption id="attachment_14165" align="aligncenter" width="307"] segnaletica spazio calmo[/caption]   Puoi trovarlo in versione mono-facciale o bi-facciale ma l'importante è che sia corretto il pittogramma....

Comunicazione bidirezionale

Comunicazione bidirezionale – come funziona?

Dopo mesi di sviluppo siamo riusciti ad ottenere un dispositivo dal funzionamento molto semplice e prettamente automatico. Infatti per avviare la comunicazione bidirezionale è sufficiente premere l’unico pulsante presente per mettersi in contatto con l’operatore, che acquisisce la chiamata (geo-localizzando il dispositivo) e trasferisce le informazioni di soccorso direttamente ai VVF. L’occupante che ha richiesto i soccorsi, dopo aver parlato con l’operatore, deve solo attendere i soccorsi. In questo tempo, il nostro dispositivo riproduce un video con una serie di informazioni utili a mantenere la calma. Funzionamento semplice, necessario nelle fasi di incendio caratterizzate da panico ed incertezza....

Call-Center h24

L’importanza del Call-Center h24

La bidirezionalità Il dispositivo di comunicazione bidirezionale per spazi calmi necessita di avere per tutta la durata di apertura dell’attività, di un referente “dall’altra parte” che deve poter sempre rispondere al call center. Se è facile immaginarsi questo in una attività complessa (ospedale, grand-hotel, centri commerciali imponenti…) in quanto presente un centro di gestione delle emergenze, risulta più complicato pensarlo per le attività più piccole.   Il problema Diventa complicato quando ad esempio pensiamo alle autorimesse condominiali. Queste infatti costringerebbero l’amministratore di condominio ad assumersi una importante responsabilità. Oppure ad hotel e centri commerciali di più piccole dimensioni nei quali, i responsabili dell’attività dovrebbero autonomamente assumere questo compito.   La soluzione E’ per questo che abbiamo sviluppato il primo...

spazio calmo esempi

Esempi di progettazione Il Codice di Prevenzione Incendi richiede alcuni accorgimenti per l'eliminazione o superamento delle barriere architettoniche per l’esodo. Infatti in tutti i piani dell’attività nei quali vi può essere presenza non occasionale di occupanti che non abbiano sufficienti abilità per raggiungere autonomamente un luogo sicuro tramite vie d’esodo verticali, l'attività deve essere dotata di spazi calmi.   Come progettare uno Spazio Calmo? Al fine di consentire agli occupanti di attendere e ricevere assistenza, lo spazio calmo deve essere contiguo e comunicante con una via d’esodo o in essa inserito, senza costituire intralcio all’esodo. Questa caratteristica è molto complicata da garantire nelle attività esistenti in quanto le geometrie...

La progettazione inclusiva

La progettazione inclusiva

L’impostazione generale del DM 03/08/2015 è basata sui 8 principi, tra i quali troviamo inclusione. Il Codice infatti ci dice che le diverse disabilità (es. motorie, sensoriali, cognitive, …), temporanee o permanenti, delle persone che frequentano le attività debbono essere considerate parte integrante della progettazione della sicurezza antincendio.   La definizione nella nuova versione del codice inclusione: le diverse disabilità (es. fisiche, mentali o sensoriali) e le specifiche necessità temporanee o permanenti degli occupanti sono considerate parte integrante della progettazione della sicurezza antincendio. Nell’immaginario collettivo, la persona disabile è spesso identificata in una persona in carrozzella, nella realtà invece il panorama è decisamente più ampio. Dobbiamo infatti considerare le...